L’amore è cieco nella mostra tattile di Caroline Lépinay

L’arte si può anche toccare, e la mostra di Caroline Lépinay “Love is blind. Blind for love” a Palazzo Tiepolo Passi (Venezia) ne è un esempio. In occasione della 58. Esposizione Internazionale d’Arte della Biennale di Venezia l’artista svizzero-franco-canadese ha realizzato un percorso esperienziale articolato in 9 sezioni tutte ispirate al mito di Amore e Psiche raccontato da Apuleio nelle Metamorfosi. Ad ogni opera tattile è associata una parte della narrazione accompagnata da un brano appartenente alle grandi arie di opera italiana interpretato da Luciano Pavarotti.

L’esperienza museale si fa ancora più intensa grazie ai 3 profumi appositamente creati per la mostra e soprattutto alla possibilità di effettuare la visita ad occhi chiusi. “L’idea è nata a Ginevra – racconta Caroline Lépinay – durante una mia mostra, visitata da non vedenti, ho notato che il loro approccio tattile con l’opera gli permetteva di leggerla e comprenderla, come se fossi stata io stessa a raccontarla. Questo mi ha colpita e commossa”.

Ed è così che è nata la collaborazione con la sezione di Venezia dell’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti. I visitatori, infatti, vengono guidati da una persona non vedente o ipovedente dopo essere stati bendati, apprendendo dalla guida in che modo leggere le opere attraverso il tatto e come riconoscerne i contenuti. Una volta terminata l’esperienza sensoriale si potrà ripercorrere la mostra ad occhi aperti, assaporando ancora tutte le sensazioni provate poco prima.

L’intento di Caroline Lépinay è stato quello di far scoprire un nuovo modo di vedere mettendo in risalto tutte le diversità tra la percezione esteriore, ovvero del senso della vista, e la percezione interiore legata a tutti gli altri sensi, regalando ai visitatori l’occasione per scoprire cosa significhi vedere con “gli occhi del corpo”.

Per prenotazioni e ulteriori informazioni vi invitiamo a consultare il sito di Love is blind. Blind for love. La mostra rimarrà aperta al pubblico fino al 29 settembre.

Sara Forniz

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *